Posted on

Questa settimana, il PAC della Camera di Commercio Digitale ha inviato a tutti i 535 membri del Congresso degli Stati Uniti circa 0,0047 BTC (all’epoca del valore di 50 dollari), nel tentativo di educare i legislatori del paese sulla tecnologia della crittovaluta e della catena di blocco che chiama Crypto For Congress.

Facendo leva sulle regole della Commissione Federale per le Elezioni che permettono di effettuare contributi per le campagne elettorali basate sulla crittovaluta e sul proprio Comitato di Azione Politica per effettuare le donazioni di BTC, la Camera di Commercio Digitale spera in ultima analisi di motivare questi legislatori ad abbracciare i vantaggi presentati dalla tecnologia a catena di blocchi.

„Il nostro settore si trova ad affrontare una serie di sfide normative ed è importante per i nostri funzionari governativi avere una conoscenza operativa di come funziona questa tecnologia“, ha detto Perianne Boring, fondatrice e presidente della Camera di Commercio Digitale, a Bitcoin Profit Magazine. „Se si guarda alle leggi fiscali, alle leggi sui titoli, se si guarda agli obblighi di conformità, ci sono molti esempi di regolatori e politici che hanno cercato di prendere questa nuova classe di beni e di inserirla nei requisiti normativi esistenti… Più le persone sono informate e hanno una conoscenza operativa di come questa tecnologia funziona, più penso che avremo un mercato e un ambiente normativo che promuoverà l’innovazione della tecnologia blockchain negli Stati Uniti“.

Boring non si spiegherebbe come, tecnicamente, un membro del Congresso possa accettare la sua donazione di BTC, anche se ha detto che la Camera sta fornendo un toolkit completo e le istruzioni per guidarli. Ha detto che possono scegliere di accettare il bitcoin come donazione una tantum o permettere alle loro campagne di accettare le donazioni in corso di criptovaluta, possono scegliere di deviare la donazione in beneficenza o possono rifiutare del tutto la donazione.

Bitcoin di produzione americana

Anche in queste donazioni c’è un certo „Made in America“. La BTC inviata nell’ambito dell’iniziativa proveniva da un blocco estratto da Core Scientific, che ha puntato l’hash rate dalle sue strutture minerarie in Georgia, Kentucky e North Carolina verso i server del software del pool minerario di Luxor Technology in Iowa. In questo modo è stato possibile garantire che il bitcoin non fosse riconducibile ad alcuna attività sgradevole, e ha messo in mostra le infrastrutture minerarie statunitensi.

„C’è ovviamente qualche preoccupazione nel dare loro il bitcoin da uno scambio, purtroppo … c’è il rischio che ci sia una storia di transazioni potenzialmente un po‘ sommaria per il Congresso“, ha detto Ethan Vera, co-fondatore di Luxor Technologies, alla rivista Bitcoin Magazine. „Abbiamo dato loro delle monete pulite, estratte dallo stabilimento di Core Scientific in Kentucky, una sorta di bitcoin ‚Made In America‘ per questo motivo… In un’epoca in cui il 98% dei blocchi si trova presso le piscine minerarie cinesi, è emozionante spingere un po‘ indietro e ottenere una certa distribuzione geografica di dove si trovano effettivamente i blocchi“.

(Anche se non c’è nulla di intrinsecamente centralizzato nell’estrazione del Bitcoin, la maggior parte del tasso di hashish minerario è prodotto in Cina o almeno raccolto dai pool minerari cinesi di bitcoin. Ma, poiché questa concentrazione geografica potrebbe presentare dei rischi potenziali per la Bitcoin, c’è uno sforzo continuo per decentralizzare l’estrazione mineraria. Potete iniziare ad esplorare quel Bitcoin Rabbit Hole con questo recente articolo).

Iniziare dall’inizio

Attraverso „Crypto For Congress“, la Camera di Commercio Digitale sostiene l’uso e l’adozione di beni digitali e della tecnologia a catena di blocchi in generale. In qualità di sostenitrice del libero mercato, la Camera non privilegia ufficialmente un progetto di cripto rispetto a un altro, ma ha scelto BTC per questa donazione iniziale per motivi pratici.